Radicondoli Festival 2015 | 24 luglio – 2 agosto 2015 | Ventinovesima edizione

… a strappare una stella dal cielo

Festival di Radicondoli  24 luglio -2 agosto 2015.

Ventinovesima edizione

Francesco Argirò, Alice Bachi, Emy Berti, Franco Branciaroli, Renato Carpentieri, Catalyst, Fatou Cisse’, Mirio Cosottini, Monica Demuru, Ibrahima Diouf, Federica Fracassi, Viola Graziosi, Fernando Maraghini, Laura Marinoni, Moon Rays Quartet, Nada E Fausto Mesolella, Mascia Musy, Vincenza Pastore, Graziano Piazza, Valentina Picello, Elisabetta Pozzi, Roberto Rustioni, Piercarlo Sacco, Elisabetta Salvatori, Arianna Scommegna, Dialy Mady Sissoko, Teatri D’Imbarco, Teatro Sotterraneo, Papi Thiam

Nel cuore di un vero e proprio giacimento culturale e ambientale, il territorio di Radicondoli è   il luogo ideale per  accogliere l’energia del progetto festival,  in un rapporto diretto e intimo con il pubblico, in una geografia di luoghi e di sensazioni, che  sono le naturali scenografie  di un contesto naturalistico e architettonico armonico e avvolgente, un’ isola culturale che coniuga  mirabilmente saper fare creativo e spirito di accoglienza che contraddistingue da sempre il carattere dei suoi abitanti.

Radicondoli festival, è una vetrina estiva che col passare del tempo si è conquistata uno spazio nel panorama delle manifestazioni teatrali più importanti d’Italia, con un suo profilo originale e definito che cerca di non essere omologato a quello di tanti altri festival estivi: teatro, musica, danza, nuova drammaturgia italiana e straniera, ma anche altre esperienze in un’osmosi e una comunicazione tra i diversi linguaggi espressivi  e le diverse culture.

Un luogo magmatico e un’officina creativa dove si intersecano altri sguardi e altri modi possibili di fare cultura, di organizzare il rapporto con una comunità  e di riflettere intorno al nostro contemporaneo, cercando di esplorare nuovi territori di contaminazione linguistica e modalità espressive, dalla parola ai segni visivi contemporanei, alla musica, agli  spazi video e sonori.

Un progetto di spettacolo dal vivo, complesso come quello di un festival, non è un’esperienza casuale ed episodica, o solamente estetica, ma vuol dire impegnarsi in una esperienza globale con un forte valore formativo e di crescita personale, vissuta da protagonisti sulla scena o da spettatori consapevoli di un rapporto irripetibile, vuol dire un tempo e un luogo dove trovarsi e confrontare le proprie idee, aperto e a disposizione di tutti, dove parlare, recitare, vedere, ascoltare, leggere, dove creare nuovi spazi di libertà e dove lo spirito dell’uomo possa coltivare l’arte e la singolarità.

Quest’anno il festival entra ancora di più dentro l’energia della terra, degli elementi naturali in percorso poetico e sensoriale che aggiunge nuove possibilità espressive e altri momenti di riflessione intorno all’evento festival.

L’ impegno  è di superare il concetto e la struttura della rassegna effimera, per affermare un uso diverso dell’avvenimento culturale e ripensare alla cultura come un culto,  una pratica che non si riduce al puro uso.

La poesia come chiave di lettura del nostro contemporaneo, la poesia che forse non salverà il mondo, ma può renderlo più sereno, più vicino alla nostra sensibilità, al nostro battito interiore.

Nove  giorni di festival, di suono armonico per cercare di ascoltare il canto del mondo, il rumore lontano della guerra, le tragedie, le violenze, gli odi, ma anche il silenzio dell’ascolto e  le voci soffuse della nostra interiorità, nella ricerca di una speranza e di una armonia.

Sopra di noi il cielo di Radicondoli, che guardiamo con l’eco della voce di Ninetto Davoli in Cosa sono le nuvole di Pier Paolo Pasolini, “ straziante, meravigliosa bellezza del creato”.

Un progetto a cura di Massimo Luconi
 

Il teatro è una forma di lotta contro la cultura di massa.

Pier Paolo Pasolini

Clicca per il programma del Festival

This entry was posted in Festival Estate a Radicondoli and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.